Il “volto abbattuto” di Caino

Caino. Raffaele Faccioli

“Il Signore guardò con favore Abele e la sua offerta, ma non prestò attenzione a Caino e alla sua offerta. Caino si irritò e rimase col volto abbattuto. Il Signore disse: “Perché ti sei abbattuto? Perché sei tanto scuro in volto?” (Gn 4, 1-6).

Il volto abbattuto è la manifestazione esteriore che colpisce Caino nel momento in cui ritiene di non poter più sostare nei pressi della indeterminazione costituita dalla inaccessibilità del volere divino.

Dio preferirà le offerte di Abele ed, in seguito a questa scelta, lo sguardo di Caino si trasforma. Quel cambiamento non andrebbe letto nel senso di un abbattimento psicologico, una sorta di implosione. I rabbini (Bereyit Rabba) osservano che la sua faccia “divenne come il fuoco”. Caino era furente per non essere stato in grado di possedere nelle sue mani l’azione e la volontà di Dio. Di fronte all’incertezza, egli decide di non dare tempo al tempo, di non ascoltare l’Altro, ma di agire, agire comunque. Agire sempre. E così per Abele si compie quanto era inscritto nel suo nome che deriva da “hebel” che in ebraico significa istante fuggitivo: Abele non potrà parlare mai più.

Caino pone se stesso al centro dell’esistente. Così, pre-sumendo, giunge ad anticipare la realtà, reifica l’altro, il fratello. Lo uccide.

Quel gesto, tuttavia, va ben oltre l’uccisione materiale. Finché viene confinato in un brano biblico, è solo una vicenda che rinvia a tempi lontanissimi e mitici. Tuttavia, se ci sforziamo di assumere la vicenda del volto abbattuto in termini metaforici, allora essa investe qualcosa di molto più vasto. Ogni volta in cui noi non diamo spazio all’altro, ogni volta in cui non prestiamo ascolto, ogni volta in cui siamo pronti ad introiettare l’altro, noi ci stiamo comportando come Caino.

Advertisements

Beruf : the fate awaiting innovators

Tags

, , , ,

Dear Professors, Colleagues and Friends, I am honoured for the opportunity I am offered to give a greeting address to the participants of the International School on “Industry Digital Evolution”.

I’m particularly grateful to Prof. Angelo Corallo and Prof. Mariangela Lazoi for this good opportunity.

During this brief speech, I would like to refer to the German word Beruf, which indicates two things at the same time: on the one hand, the profession (the job we do) and, on the other, the vocation (what we are called to).

There are different kinds of jobs. Some of them require a certain degree of responsibility, while others have less responsibility. Correspondingly, there are more executive jobs where worker responsibility is smaller and more creative jobs where responsibility is greater.

Working to appeal to your responsibility means giving your contribution to modelling what exists, raising what exists to a level that is not yet all seen. It means, in a word, transforming the existing.

Often working – and working at certain levels where excellence is expected – requires particular dexterity, the specific ability to deal with dangers, to manage complicated situations, situations in which it is necessary to coordinate the work of many employees, and to give precise indications of the things to do, but at the same time to be able to listen. Sometimes, the complications are so many that you seem to go to war. In the coordination of so many elements, in fact, it is inevitable to be a strategist. The general or strategist, like the manager or professor, must also know how to juggle in every kind of danger.

When we talk about the strategist, one cannot help but read what Plato says about it:

“In order to besiege a camp, to take a fortress, to concentrate or deploy an army and make it perform the appropriate manoeuvres, both in battle and on the march, a general [a strategist] turns out to be more or less skillful depending on whether or not he is a surveyor “.

I ask myself: “Why did Plato think about the surveyor? The work of the surveyor eminently consists in creating models and in bringing reality back to a model capable of acting as a reference point. Think about it for a moment: to bring the plan of reality back to the ideal. This is what fascinates Plato. Yes, because, you see, we all need a point of reference, regardless of the activity we are engaged in. For Plato, a reality can be said to be complete not when it is considered in itself and in its own terms, but when it is brought back to a reference model. We see, we realize that such an inspiration is not something buried in time or closed in some book of philosophy. No, it is something that many of us carry inside ourselves and that they implement in their lives. Many of us, to put it this way, are “platonic”, that is, they tend never to be happy because we set ourselves truly high, ambitious targets. Is that not the case?

There is also a completely different way of thinking about the strategist’s activity. It dates back to a man who lived in China in the same period as Plato, the sixth and fifth century BC. This man was called Sun Tzu and is the author of The Art of War.

Sun Tzu introduces the concept of shi, which we could translate as “the appreciation of the situation”. According to such an approach, the strategist must start from the situation, precisely that concrete situation in which he is given to live, in order to seize all the internal possibilities of that same situation, from whose assumption he can decipher the ongoing process. To govern a process means to follow it in its internal veins. There is not an ideal model to bring back reality, but rather a program of systematic immersion in that reality because only when you have reached the most complete immersion you can be incisive

In everyday life, when we work, whether consciously or not, we all draw inspiration from one of these two references.

Whatever our choice, what remains is that when work is called upon to take responsibility, then work ceases to be the mere performance of a task, and becomes something in which individual inspiration, intuition, dedication and courage give life to something greater than the task envisaged by the work itself.

There are situations in which work no longer becomes the liberation from a need, but an act of creation.

With work (profession), we are called upon (vocation) to accomplish something that goes beyond the mere performance of a task. Beruf is routing us towards this surplus, something that passes from us, from our hands, but it does not depend on us.

For some such surplus is the beauty, our specific contribution to the work of creation which, contrary to what we have always thought, is not an act done once and for all, but something that is gradually realized by appealing to the willingness of men, not by chance defined as “good will”.

Talking about Beruf, about that tight knot that unites profession and vocation, has not been a matter of chance. Beruf, the road to beauty, is the fate that awaits not ordinary people, but innovators, those who have some visions of the future and the courage to transform them in concrete practices.

So be proud to be innovative, because beauty depends on you and your work!

La signora che tradì il marito perché non caricava la lavatrice

Tags

, , , , ,

Denis Hopper, Compartment C Voiture 193 , 1938

 

Come reagireste di fronte ad una signora che, conosciuta in un viaggio in treno da non più di dieci minuti, candidamente confessi di aver tradito il marito perché «non caricava mai una lavatrice»? Me lo sono chiesto, mentre la signora, sulla quarantina, lunghi capelli biondi, elegante in un tailleur blu, mi guardava in attesa di una reazione.

  • «Sei una pazza furiosa e le tue cose sentimentali non mi interessano. Ora, fammi leggere in santa pace, ammesso che tu capisca il senso della parola ‘leggere’», avrei voluto dirle.
  • «Scusi, e che cosa le rispondeva suo marito, quando gli faceva notare di detestare il suo disimpegno domestico?», le ho invece chiesto.

E lei, a quel punto, come se fosse la cosa più naturale del mondo, ha risposto: «Beh, non gliel’ho mica detto, ovvio no?». Poi, per mia fortuna, la conversazione è scivolata su altri argomenti. Per giorni mi sono comportato nei confronti di questo episodio con lo stesso atteggiamento di chi cerchi di ritrovare le chiavi di casa smarrite.

Ci pensavo in continuazione, ripercorrendo mentalmente ogni singolo frammento di discorso, ogni movimento del corpo, ogni pausa. Niente, non trovavo niente. Eppure, ero convinto che qualcosa di rilevante ci fosse nel dialogo con la signora in blu.

Passing Time. Newark North Gate Station. By Ally Mac

Poi, una mattina, appena sveglio, ho visto meglio. Non era la scelta della signora, né il fatto che avesse deciso di farne menzione ad un estraneo, ad interessarmi. Ciò che mi aveva colpito era il modo in cui la donna aveva inteso sancire la presunta normalità della sua scelta, ancorandola alla domanda «ovvio, no?».

Compiere una scelta, fondandola su un singolo aspetto del problema, non dovrebbe essere una cosa ovvia. Eppure, un tale modo di procedere, non è infrequente anche in ambito lavorativo: ammettiamolo, quante volte ci capita di giudicare una intera situazione, partendo da una singola vicenda? Decidere in base ad una valutazione parziale ha profonde implicazioni sul versante della comunicazione. Spesso, infatti, comunichiamo male non perché usiamo strumenti inefficaci, ma perché la valutazione della realtà – su cui la comunicazione si fonda – era insufficiente.

Nel 1999, Christopher Chabris e Daniel Simons, due studiosi dell’Università di Harvard, realizzarono un esperimento chiamato The Invisible Gorilla. Ai partecipanti veniva mostrato un filmato in cui due gruppi di ragazzi, vestiti rispettivamente con una maglietta bianca e una maglietta nera, simulano una partita di basket. I partecipanti all’esperimento vengono informati che lo scopo è di contare il numero di passaggi dei ragazzi con la maglietta bianca. Quando il filmato finisce circa la metà dei partecipanti non ha notato che, ad un certo punto del video, una persona travestita da gorilla ha attraversato il campo di gioco da destra verso sinistra, fermandosi in mezzo ai giocatori, battendosi il petto, per poi allontanarsi indisturbato. Quell’esperimento dimostra che la nostra percezione è fuorviata ogniqualvolta ci concentriamo solo su un particolare, tralasciando di considerare l’intero. L’esperimento del gorilla ha confermato che la possibilità stessa di percepire qualcosa si fonda non tanto su una presunta capacità di identificare l’elemento che vogliamo mettere a fuoco, ma sul rapporto che si istituisce tra l’oggetto da vedere e lo sfondo in cui esso si colloca. Per farla semplice: la nostra percezione funziona correttamente quando è relazionale, quando cioè è in grado di riconoscere le relazioni. Di conseguenza, per essere effettiva, anche la comunicazione deve tener conto dello stesso processo. Possiamo comunicare compiutamente quando siamo in grado di vedere bene ogni singolo elemento insieme all’intero in cui esso si colloca.

Ecco perché una decisione (tradire o meno il marito), non andrebbe assunta ancorandosi esclusivamente ad un singolo elemento (la scelta di caricare la lavatrice), isolato rispetto al contesto. L’indicazione che scaturisce da quanto precede è che per comunicare bene, bisogna vedere bene.

Spesso, molte comunicazioni falliscono prima ancora di nascere per un difetto di percezione, perché non abbiamo tenuto conto dello spazio. Non andrebbe mai dimenticato che le persone, ogni persona, già dalla stessa etimologia del termine, si pone sempre al di là di ogni nostra possibile determinazione. La persona è il tutto, mentre ciò che possiamo dirne è solo una parte.

Siamo invece soliti inchiodare gli altri alle nostre visioni parziali e, inesorabilmente, quando ciò succede, la comunicazione è condannata al fallimento. A questo punto, la domanda iniziale torna ad essere attuale e non smette di pungolarci: quante volte ci è capitato di valutare l’intero, partendo da una parte? Ecco che, ora che ci penso, forse c’è poco da meravigliarsi della scelta della signora in blu, perché mutatis mutandis ciò che lei rappresenta è dentro ognuno di noi.

(Il presente testo è stato scritto per SIC DIXIT, Newsletter del PMI-Southern Italy Chapter).

La novità di ciò che siamo

Tags

, , , , ,

 

Richard Buckminster Fuller

Per me l’universo – il nostro mondo e quel che sappiamo di esso – è l’aggregato di tutte le esperienze dell’umanità di tutti i tempi, esperienze fissate e comunicate costantemente. R. Fuller Buckminster

Questo pensiero riposa sulla validità del presupposto di una comunicazione funzionale, nel caso specifico ‘funzionale alla trasmissione del sapere e delle esperienze così come esse sono venute accumulandosi’.

Tuttavia, sappiamo anche che tante e diverse sono le situazioni in cui la comunicazione non c’è o, se c’è, non funziona in modo adeguato.

La comunicazione, infatti, non è una cosa che possa essere considerata pre-esistente come un dato amorfo e costante. Essa è, piuttosto, un “wesen”, un essere vivente e, come tale, risente di tutte le influenze e le perturbazioni possibili.

Accade spesso, purtroppo, che il comunicare sia inteso come qualcosa di presupposto ed immutabile e che dunque si guardi oltre, occupandosi di altro. Distogliere l’attenzione da ciò che rende possibile una comunicazione e, nello specifico, una comunicazione autentica è deleterio perché non ci permette di mettere a tema, cioè di concentrarci, sui fattori che inverano – rendono vero, concreto – ciò che ci spinge a raggiungere gli altri dal punto di vista comunicativo.

E così, ciò che dovrebbe essere un’occasione di effrazione della propria monotonia si trasforma in una occasione persa in cui ogni monologia è semplicemente reiterata.

Pensateci: che cosa sono le comunicazioni fasulle se non mere reiterazioni dell’identico, di ciò che già si sa? Che cosa sono, ancora, se non manifestazioni della sola presenza di sé, elevata a contenuto, ritenuto degno di essere conosciuto?

L’universo di cui parla Fuller Buckminster è non tanto un cumulo di esperienze, ma il luogo d’elezione in cui apportare la novità di ciò che siamo. È questo ciò che ci può rendere più umani e meno anonimi e che, forse, sarà ricordato quando in quello stesso universo saremo altro rispetto a ciò che siamo ora.

La visione e la gestione

Tags

, , , , ,

Camon LA STAMPA 120116

Due ingredienti sono necessari al vivere.

Il primo, la gestione, prevede una amministrazione delle facoltà e dei mezzi, di tutto ciò che deve essere coordinato perché la vita stessa possa essere accortamente condotta.

Il secondo ingrediente, la visione, indica le mete che devono essere tenute presenti, a volte immaginate, perché la gestione dell’ordinario possa avere un senso, cioè trascendersi alla luce di qualcosa che continuamente la supera, dall’interno.

Mi sembra che quanto da Ferdinando Camon lamentato rientri esattamente in questo schema. L’auspicio di Montini che oggi abbiamo bisogno di testimoni potrebbe probabilmente essere aggiornato dicendo che il mondo d’oggi necessita di visionari, ché di burocrati dell’ordinario ve n’è fin troppi.

25 Novembre

Tags

, , , , ,

Ho partecipato oggi ad un bel seminario sui diritti degli animali, per presentare una traduzione italiana del libro Animals’ Rights di  Henry Salt, a cura di Attilio Pisanò ed Eugenio Leucci. Il seminario è stato ben introdotto e coordinato dalla prof.ssa Laura Tundo ed ha visto la presenza della Prof.ssa Luisella Battaglia dell’Università di Genova. Mi è venuto in mente che proprio il testo di Salt può essere utilizzato come paradigma per accedere ad una rinnovata idea di comunicazione che finalmente consideri proprio gli animali all’interno di una effettiva relazione comunicativa e non come semplici destinatari di attenzioni più o meno benevole da parte gli umani. Il superamento del tradizionale e mortificante approccio al comunicare che, in breve, vede nella comunicazione il semplice passaggio di informazione tra due entità ha conosciuto oggi un nuovo modello. Sono grato anche al collega Franco Meschini, che mi ha consigliato tutta una serie di utili letture in merito.